Quando il corpo ci invia segnali di stanchezza

Lo sapevi...

 

Un periodo di stanchezza può capitare, specialmente in questa stagione in cui ormai il caldo si fa più pressante, ed è frequente sentirsi svogliati e spossati

 

Il corpo ci manda costantemente dei segnali e per vivere meglio bisognerebbe ascoltarli, nonostante il nostro stile di vita frenetico: in particolare, quando ci invia segnali di stanchezza dovremmo imparare a fermarci e riposare.

Il bisogno di dormire e di staccare la spina non sono necessariamente segnali negativi, anzi, spesso si tratta di strumenti che l’organismo usa per invitarci a fare una pausa.

 

Sonno e stanchezza sono segnali difensivi: il corpo ci sta dicendo di fermarci e di fare una pausa. È un invito a calcolare le ore di sonno di cui abbiamo necessità.

Quando ignoriamo troppo a lungo questi segnali di accumulo di stress è possibile che si inneschino reazioni negative, dando origine ad altri sintomi, come forte nervosismo e peggioramento dell’umore. Reggere i ritmi consueti diventa allora impossibile e tutto appare più complicato.

 

Ecco perché quando il corpo ci invia segnali di stanchezza, c’è una prima cosa da fare: riposare. È una cura semplice ma molto efficace, soprattutto perché ignorare i segnali di stanchezza può essere molto dannoso. Invece imparando a prendersi le giuste pause ci si accorgerà ben presto che gli obiettivi si raggiungono dosando le energie, e non sprecandole.

 

Nelle prossime settimane vedremo perché è importante dormire bene e quali sono i 7 disturbi legati alla carenza di sonno.