Lo sapevi...

La parola dieta, tanto utilizzata ai giorni nostri, deriva dal greco e significa stile di vita.
Molto spesso nel linguaggio comune con questo termine si vuole far riferimento all'astinenza da cibo per ragioni di salute o alla dieta dimagrante per finalità estetiche. Quindi il significato della parola assume una connotazione negativa o di rinuncia e sacrificio a cui è soggetto chi decide di seguirne una.

Al contrario invece la definizione più appropriata corrisponde a "quell'insieme di alimenti che devono quotidianamente essere somministrati all'organismo per assicurare il fabbisogno proporzionato allo sviluppo o al rinnovo dei tessuti e al consumo di energia" (Salvatore Battaglia, Grande dizionario della Lingua italiana, Torino: UTET 1991).

Una corretta alimentazione quindi deve essere in grado di fornire l'energia necessaria ai bisogni globali dell'individuo, tenendo sempre a mente che  una indroduzione di energia in eccesso comporta l'obesità e la carenza energetica comporta magrezza.

E' importante nella dieta così intesa variare gli alimenti in modo tale da aumentare la probabilità di assuemere tutti i nutrienti di cui si ha bisogno, proteggendo il proprio equilibrio metabolico e psicofisico. In questo modo si riduce al minimo anche la possibilità di assumere sostanze potenzialmente nocive presenti in determinati cibi*.

In questo modo si beneficia anche a livello psicofisico della possibilità di mangiare cibi diversi in quanto è bene ricordarlo che l'uomo mangia anche per piacere.

dieta

*da: "Lineamenti di dietoterapia e nutrizione clinica".